Opere poetiche del Signor abate Carlo Innocenzio Frugoni, fra gli Arcadi Comante Eginetico ...

Portada
Dalla Stamperia reale, 1779 - 644 páginas
 

Comentarios de la gente - Escribir un comentario

No encontramos ningún comentario en los lugares habituales.

Páginas seleccionadas

Otras ediciones - Ver todas

Términos y frases comunes

Pasajes populares

Página clxv - ... fuor dell'aura morta, che m'avea contristati gli occhi e '1 petto. Lo bel pianeta che ad amar conforta, faceva tutto rider l'oriente, velando i Pesci ch'erano in sua scorta.
Página cxix - Non temiamo però d'asserire, che poirebbesi da noi acquistare uà vanto d'originalità, che all'altezza più grande degli Antichi ci eleverebbe, se all'utile ed al vero costantemente ponessimo mira nella poetica favella, e se in vece di ricopiare le loro idee , che mal si convengono alla luce delle nostre dottrine, un novel campo vastissimo alle Muse Italiane si dischiudesse dalla moderna Filosofia. Imperocché se ognuno notasse quanto in lui spira natura , ea quel modo, che detta dentro il significasse...
Página lxxxvii - Giudice più sincero, e ne' miei carmi Non solo certa esterior vaghezza Di forme e di fantasmi, e certo dono Facile di cantar ; ma pur fra i lumi Del difficile stil, come...
Página clix - ... quae cum magna modis multis miranda videtur gentibus humanis regio visendaque fertur, rebus opima bonis, multa munita virum vi, nil tamen hoc habuisse viro praeclarius in se nec sanctum magis et mirum carumque videtur. 730 carmina quin etiam divini pectoris eius vociferantur et exponunt praeclara reperta, ut vix humana videatur stirpe creatus.
Página cxxxviii - Vivo in acerba poena , in mesto horrore Quando te non invoco , in te non spero Purissima Maria , et in sincero Te non adoro , et in divino ardore. Et oh vita beata , et anni , et...
Página cxx - ... sistema vittoriosamente combattono, e distruggono da cima a fondo. Dante, che colla vasta capacità di sua mente concepì un Poema sì straordinario, e con tanto giudizio ne architettò le parti tutte, e molte ne colorì con tanta evidenza, a noi sembra il maggior Poeta, che mai sorgesse appunto per la nuova e ricchissima fonte del maraviglioso che aprì, facendola scaturire dal seno medesimo della Religion nostra , e in lei derivando tutte le vene, che dalle dottrine, dagli usi , e dalle politiche...
Página x - Petrarca, l' altra del Chiabrera. Ma quantunque a giustissimo titolo fosse riposto il Petrarca sull' are della Poesia, e toltone il simulacro del Marini , ritennero però gli adoratori suoi buona parte dell'animosità, che loro avea ispirata la licenza dello scaduto secolo , e sbandirono dal loro culto quella servile superstizione, onde furono inceppati i Petrarcheschi del cinquecento. In nessun poeta tanto chiaramente apparisce questa libera religione verso il Petrarca, quanto nel Filicaja...
Página clxxi - Il semplice dev'essere il fondamento delle altre due sorti di vero; imperocché l'ideale altro non è che la scelta delle bellezze sparse nel semplice universale, e riunite in un solo oggetto; e il vero composto si è quello, che dall'ideale e dal semplice si forma: siccome l'imitazione di questi tre generi di vero distingue in varie classi, giusta il sentimento del signor de Piles, le Scuole ei Pittori, cosi potrebbesi fare de
Página clxxi - presenti , e al costume , ch'oggi regna nella « Corte Romana ; del che è buon tempo , « che io vo dubitando , ed ho temuto talora « tant' oltre, che ho disperato stampare il « libro senza gran difficoltà (7i J Canto XIV.
Página clxxix - Genova , noi potei ritrar dall'unghie d'un Nipote , che per la rinuncia mia mei ghermì ., e che non mi darebbe un soldo , se mi vedesse impiccare . Qualche aumento di pensione ottenni tuttavia dalla Provvidenza del Senato in mia Patria ; piccolo sussidio , col quale appena viver potrei ben misurando le mie spese colla pia stretta economia . Il maggior bene , che io possa contare , è il patrocinio ., e la bc- ... . I.

Información bibliográfica